Indirizzo:
Tel:
Fax:
E-mail:
PEC:
Via Torretta, 6
0874 87341
0874 871506
segreteria@comunetrivento.it
protocollo.trivento@pec.it
Comune
Storia, Tradizioni
SOL
SUAP
AmministrazioneTrasparente
PEC

Cenni storici

Ercole sannita
La zona di Trivento fu abitata sin dall’antichità. Già nel paleolitico, sui 750.000 anni a.C., l'homo aeserniensis dovette attraversare questa vallata e viverci coi suoi greggi e con i suoi gruppi familiari. Nel primo millennio a.C. vivevano, bene organizzati, gli Osci (popolazione indoeuropea), dediti alla pastorizia ed alla transumanza con intensa vita sociale e religiosa, come ci dimostra la famosa "Tavola osca" rinvenuta nel marzo 1848 tra Capracotta ed Agnone e che dal 1873 viene custodita nel British Museum di London. Nel periodo osco Trivento era nominata Tpebintm ed aveva come stemma una medaglia, in cui era inciso un toro alato. Dagli Osci discesero i Sanniti Pentri, che ebbero in Trivento il centro più importante,  mentre i Caraceni, i Caudini ed i Frentani lo ebbero rispettivamente in Alfedena, Benevento, e Larino.
 
Questi narra come, a seguito di una guerra tra Umbri e Sabini (genti di stirpe italica, strettamente apparentate per stirpe e lingua) questi ultimi, risultati vincitori, promulgarono un Ver Sacrum (Primavera Sacra) (che annualmente si tiene a Trivento (CB), capitale del Sannio, da vari anni) in onore del dio Mamerte (corrispondente al Mars latino e l'Ares greco). Nella primavera successiva i frutti della terra e gli animali nativi furono offerti al dio, mentre i fanciulli vennero inviati, una volta cresciuti, a colonizzare nuove terre guidati dall'animale sacro al dio a cui erano stati consacrati, il bue; capo della spedizione era Como (o Comino) Castronio. Strabone racconta che l'animale si fermò ai piedi di un colle chiamato Samnium e da lì il popolo prese nome. Altre versioni fanno risalire la fondazione di Trivento a quell'evento, facendo fermare l'animale alle fonti del Biferno per dissetarsi.
 
Trivento fu città sannita. I Sanniti abitarono tutto il Molise interno fino al V secolo, quando, attraversato il Matese, invasero la Campania. A seguito di questa azione si scontrarono con i Romani, loro alleati, che avevano con quella regione traffici commerciali. Nel 321 A.C. a Caudio, presso Benevento, i Sanniti inflissero una grande sconfitta ai Romani. Qualche anno dopo, nel 305 furono a loro volta sconfitti e costretti a chiedere la pace. Iniziò allora la decadenza di queste genti italiche che più tardi finirono sotto il dominio romano. Nel corso delle guerre sannitiche e della guerra sociale Trivento venne più volte sottoposta ad attacchi e distruzione da parte dell’esercito romano. Per le distruzioni subite, dovette essere ripopolata e ricostruita da una colonia militare della tribù Voltinia, dalla quale, per conseguenza, assorbì leggi ed usanze.
 
Terventum divenne municipio romano come Larinum (Larino), Buca (Termoli), Histonium (Vasto), Fagifulae (Montagano) ed i triventini vivevano con le stesse leggi di Roma (26 a. C.). I municipi romani avevano il diritto ad una propria amministrazione, con il proprio consiglio e con i locali magistrati, che si interessavano solo delle controversie locali, mentre le leggi erano sancite dallo stato centrale. Il municipio era collegato con Roma tramite un prefetto. Allora la società triventina, come ci confermano i resti del tempo, era composta da schiavi, che lavoravano il latifondo, da honestiores, che erano i cittadini più ricchi e da humiliores, che erano quelli più poveri. Cluvenio e Frontino (1° sec.d.C.) parlano di Trebentum, Plinio (59 a. C./15 d. C.) chiama i triventini Tribentinates e sono ricordate le famiglie dei Salonii, dei Ciltii, degli Ortorii, dei Fiorii, degli Ofillii e del console Caio Severo trivento. Sotto il dominio longobardo l'Abruzzo rimase diviso nei ducati di Spoleto e di Benevento. Trivento appartenne a quest'ultimo. Quando i Normanni, nel 1140, invasero il Molise, la città fu data ai conti di quella regione. Nel 1268 Carlo I d'Angiò la diede in feudo ad Ansaldo di Lavanderia e successivamente, nel 1285, ad Amerigo de Sus. Dai De Sus  passò poi alla famiglia di Pipino, d'origine francese. In seguito fu feudo di varie famiglie tra le quali i d' Evoli, i Caldora, i d' Afflitto e infine i Caracciolo.L'Antico centro é menzionato in una cronaca del Medioevo come "Castrum" e questo lascia supporre che fosse ben munito di fortificazioni.
.